Daniel Rode
Log
Zona Giorno
Complementi
Tre ellissi si intrecciano, su tre piani diversi, a formare un tavolino dalla linea innovativa ed elegante.
Le combinazioni di materiali e colori, offerte dai marmi e dai laccati, lo rende un punto focale perfetto della zona living.
CARATTERISTICHE
PRINCIPALI
MISURE
GUARDA
Trova la tua misura ideale
FINITURE
GUARDA
Personalizza il tuo design
SCHEDA PRODOTTO
Tutto quello che desideri conoscere
SCHEDA MONTAGGIO
In modo semplice, per avere il meglio a casa tua
RIVELARE IL DESIGN
INCONTRA CHI CREA. INCONTRA I NOSTRI ARTISTI.
Cos'è reale? Cos'è sogno? Possono questi due concetti fondersi assieme, e creare qualcosa di diverso?
Daniel Rode
Daniel Rode, nato in Francia nel 1967, si laurea all’Ecole Boulle di Parigi in Architettura d’Interni e Design e debutta nel settore della moda, disegnando borse e accessori in Cina e a Hong Kong. Nel 1992 apre il suo studio di design a Parigi, rivolgendo la sua creatività al mondo dell’arredamento. Nel 1999 decide di trasferirsi in Italia, dove fonda la società Rode Design srl con l’intento di porsi al centro del percorso creativo.
Progetta oggetti funzionali e belli, di impronta decisamente ottimista.
Le sue creazioni esprimono il paradossale connubio di fermo realismo e leggerezza onirica. Stranamente, gli oggetti di Daniel Rode non possono fare a meno, al di là della loro logica intrinseca, di essere sognanti. Attento a tutto ciò che è allo stato di genesi, Daniel Rode si muove verso un linguaggio intuitivo e puro. Attualmente, collabora con molti noti marchi. Il denominatore comune delle sue creazioni è l’attenzione per il corpo umano : prodotti sempre ergonomici che lui stesso plasma, realizzati in modo non convenzionale con l’impiego di materie duttili. Un’attenta ricerca, la sua, premiata da importanti riconoscimenti internazionali.
POTREBBERO PIACERTI ANCHE
POST VENDITA
Il tuo servizio su misura
MADE IN ITALY
Qualità artigianale.
Design contemporaneo.
GLOBAL
Tutti i nostri punti vendita
GARANZIA
La tua sicurezza.
La nostra promessa.
Meet the New Contemporary